13 de Aprile de 2024 09:15

Un famoso farmaco per il colesterolo in Spagna è collegato a gravi disturbi

Un famoso farmaco per il colesterolo in Spagna è collegato a gravi disturbi
Le statine sono la famiglia di farmaci più utilizzata in Spagna per trattare il problema prevalente dei livelli elevati di colesterolo nella popolazione.
Questi farmaci ipocolesterolemizzanti – che riducono l’accumulo di lipidi dannosi nelle arterie – sono disponibili in varie forme, con l’atorvastatina che è la più prescritta, coprendo il 56,49% dei casi, seguita dalla simvastatina (23,79%) e dalla rosuvastatina (11,92%). Recentemente, questi trattamenti sono stati messi in discussione a causa dei danni che il loro uso continuato potrebbe causare ai reni o ai muscoli.
Data l’entità del problema del colesterolo alto nelle società sviluppate, principalmente a causa delle diete occidentali e degli stili di vita sedentari, e con poche alternative sia sotto forma di farmaci che di integratori alimentari, è probabile che le statine continueranno a essere utilizzate regolarmente. Ora, in risposta al loro ruolo di farmacovigilanza, sia l’Agenzia Europea dei Medicinali che l’Agenzia Spagnola per i Medicinali e i Prodotti della Salute (AEMPS) stanno mettendo in guardia da due nuovi effetti collaterali.
Secondo loro, sono stati segnalati casi di nuova insorgenza – “induzione de novo” – o “esacerbazione” di due disturbi neuromuscolari preesistenti, la miastenia gravis e la miastenia oculare. “In caso di esacerbazione dei sintomi, è necessario interrompere la somministrazione di questi farmaci. Sono state segnalate recidive dopo la nuova somministrazione della stessa statina o di una statina diversa”, spiega l’AEMPS nel suo bollettino mensile di farmacovigilanza.
“La miastenia gravis e la miastenia oculare sono un tipo molto particolare di debolezza muscolare causata dal sistema immunitario stesso che attacca i recettori neuromuscolari, che peggiora con l’attività e migliora con il riposo”, spiega l’Organizzazione dei consumatori e degli utenti (OCU). La miastenia gravis è caratterizzata da una debolezza muscolare generalizzata che può interessare i muscoli utilizzati per la respirazione. La miastenia oculare può colpire i muscoli delle palpebre e del bulbo oculare”.
I casi segnalati finora, prosegue l’OCU, sono “finora rari” e non è stato possibile stimare “la frequenza di comparsa di questi effetti avversi”. Tuttavia, l’EMA ha annunciato che il foglietto illustrativo delle statine dovrà ora includere informazioni su questi effetti collaterali. Il foglietto illustrativo conterrà anche la seguente avvertenza: “Consultare il medico se si riscontra debolezza alle braccia o alle gambe che peggiora dopo periodi di attività, visione doppia o palpebre cadenti, difficoltà a deglutire o difficoltà a respirare”.
Come ricorda l’Organizzazione, le statine hanno un’ampia gamma di effetti avversi segnalati. Questi includono: aumento degli enzimi epatici (transaminasi), disturbi gastrointestinali (dolori addominali, stipsi, nausea, diarrea, ecc.) e danni muscolari.

Quest’ultimo effetto collaterale può variare da “semplice fastidio, dolore, crampi, debolezza muscolare, infiammazione… fino a un danno muscolare estremo con morte cellulare e accompagnato da insufficienza renale acuta, nota come rabdomiolisi”.
“Si tratta di un effetto avverso raro, che può colpire tra lo 0,1% e lo 0,01% dei pazienti, ma ci sono altri farmaci con cui le statine interagiscono e aumentano la possibilità di subire questo grave effetto avverso: la ciclosporina, che è un immunosoppressore, alcuni antibiotici (eritromicina, claritromicina, acido fusidico, ecc.), antimicotici (ad es. ), antimicotici della famiglia degli azoli (ketoconazolo, itraconazolo, voriconazolo, fluconazolo, ecc.), alcuni antivirali per l’HIV e l’epatite C (ritonavir, lopinavir, ecc.), altri farmaci che riducono i lipidi. ), altri farmaci per la riduzione dei lipidi (famiglia dei fibrati, colestipolo, ezetimibe), alcuni farmaci per il cuore (diltiazem, verapamil, amiodarone), la colchicina, che è un farmaco antigotta, ecc.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie