19 de Aprile de 2024 18:20

Tregua per il Natale ortodosso

Putin ordina un cessate il fuoco di 36 ore a partire da mezzogiorno della prossima settimana


La decisione è in risposta all’appello del Patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill per una tregua natalizia.

Il Presidente russo Vladimir Putin ha ordinato oggi un cessate il fuoco di 36 ore a partire dalle 12:00 ora di Mosca (09:00 GMT) di domani (venerdì) lungo l’intera linea del fronte in Ucraina, ha dichiarato il Cremlino.

Secondo la nota della Presidenza russa, la decisione del capo di Stato è in risposta all’appello del Patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill per una tregua natalizia, che i fedeli ortodossi celebrano il 7 gennaio.

“A causa del fatto che un gran numero di cittadini ortodossi vive nella zona delle azioni militari, chiediamo alla parte ucraina di dichiarare un regime di cessate il fuoco per permettere loro di andare in chiesa la vigilia e il giorno di Natale”, si legge nella dichiarazione ufficiale. Qualche ora prima, Kirill aveva chiesto una tregua per permettere ai fedeli di celebrare il Natale.

“Io, Kirill, Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, invito tutte le parti coinvolte in questo conflitto interno a cessare il fuoco e a stabilire una tregua natalizia”, ha dichiarato nel suo appello, pubblicato sul sito web dello IOR.

La tregua proposta dal leader religioso per consentire ai fedeli di recarsi nelle chiese la vigilia e il giorno di Natale sarebbe dovuta entrare in vigore alle 12.00 ora di Mosca (0900 GMT) di domani (venerdì) e sarebbe durata fino alla mezzanotte (2100 GMT) del 7, la stessa scadenza del cessate il fuoco ordinato da Putin.

È la prima volta che il presidente russo ha chiesto un cessate il fuoco su tutti i fronti da quando, il 24 febbraio, ha lanciato la sua campagna militare in Ucraina con l’obiettivo di “denazificare e smilitarizzare” il Paese vicino.

L’appello di Kirill non è stato accolto bene a Kiev: “La dichiarazione dello IOR su una ‘tregua di Natale’ è una cinica trappola e un elemento di propaganda”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mikhail Podolyak.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie