26 de Maggio de 2024 23:26

NUMERI DA RECORD PER I TURISTI, MA 2 ORE PER PRENDERE UN TAXI DALL’AEROPORTO

Nel febbraio 2023 gli aeroporti delle Canarie hanno superato dell’8% il numero di passeggeri del febbraio 2019, l’anno precedente alla pandemia, con un totale di 3.873.985 viaggiatori.

Di questi, il numero totale di passeggeri commerciali a febbraio è stato di 3.813.702, di cui 2.451.351 su voli internazionali (+4,7% rispetto a febbraio 2019 e +29,9% rispetto a febbraio 2022) e 1.362.351 su voli nazionali (+12,1% rispetto a prima della pandemia e +23,9% rispetto allo scorso anno).

L’aeroporto delle Canarie che ha registrato il maggior numero di passeggeri il mese scorso è stato Gran Canaria con 1.162.836 (+3,3% rispetto a febbraio 2019 e +30,7% rispetto a febbraio dello scorso anno), seguito dall’aeroporto di Tenerife Sud con 1.055.210 passeggeri (+10,7% rispetto allo stesso mese prima della pandemia e +28% rispetto allo stesso mese dello scorso anno).

Il terzo aeroporto più trafficato è stato quello di Lanzarote con 622.198 viaggiatori (+12% rispetto a febbraio 2019 e +26% rispetto allo stesso mese del 2022); e poi Fuerteventura con 476.996 (+11% rispetto allo stesso mese prima della pandemia).

Tuttavia, per quanto questa sia una buona notizia, soprattutto perché sono passati tre anni da quando le Isole Canarie sono state chiuse alle 12 di sabato 14 marzo 2020, i visitatori delle isole devono affrontare un problema indesiderato quando arrivano qui, ovvero lunghe attese per un taxi dall’aeroporto che possono arrivare fino a due ore.

Sui social media si trovano immagini di persone che hanno postato il problema, in particolare nei giorni di maggiore affluenza negli aeroporti di Tenerife Sud e Gran Canaria, dove centinaia di persone sono sempre più frustrate dalle lunghe code e dalle stazioni di taxi vuote.

Le cooperative di taxi sostengono che non ci sono abbastanza licenze o conducenti per far fronte alla domanda dopo la ripresa del turismo, e questo fine settimana la polizia locale di Telde (Gran Canaria) ha chiesto che i tassisti di altri comuni venissero a dare una mano, cosa che normalmente è vietata dalle restrizioni sulle licenze.

Tuttavia, i tassisti di Tenerife attribuiscono la responsabilità del problema anche al volume di traffico nel sud dell’isola. L’autostrada TF-1 sembra essere bloccata ogni giorno tra Costa Adeje e Los Cristianos o Las Chafiras e l’aeroporto, il che significa che non possono fisicamente trasportare le persone o tornare all’aeroporto rapidamente per alleviare le code.

Il presidente dell’Associazione per i diritti dei tassisti delle Isole Canarie (ASPROTAC), Francisco Mendoza, chiede che i dipartimenti dei trasporti dei Cabildos dell’isola prendano provvedimenti, perché questa è un’immagine che non possiamo continuare a dare, in quanto sarebbe dannosa per il turismo.

“Abbiamo bisogno di una soluzione e di una soluzione rapida”, ha detto, “i Cabildos devono eliminare l’attuale limite di 20 trasferimenti al mese per licenza che concedono ai taxi di altri comuni per prelevare i passeggeri all’aeroporto quando ci sono code estreme. Una volta c’erano giorni definitivamente occupati e giorni tranquilli negli aeroporti, ma con una gamma più ampia di nazionalità che ora visitano le isole, ogni giorno è un giorno occupato”.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie