21 de Maggio de 2024 04:01

Naufragio migranti, “Non sono riuscito a salvarli”: il dolore del pescatore che li ha visti annegare

Parla il pescatore Vincenzo Luciano, tra i primo ad arrivare sulla spiaggia di Steccato di Cutro, nel tentativo di salvare le persone in mare dopo il naufragio della loro imbarcazione. Luciano, 51 anni, ha parlato del suo dolore e del suo senso di colpa per non poter fare di più per le vittime. “La mia frustrazione è che non sono riuscito a salvare nessuno di loro” racconta, aggiungendo che ha saputo da una telefonata di notte da un amico che aveva visto che la barca dei migranti si stava disgregando. Arrivato in spiaggia Luciano ha iniziato a tirare fuori dal mare i cadaveri, per evitare che la risacca li riprendesse. Ma si sono pienamente resi conto di cosa è successo solo con la luce del giorno. “Non ero pronto per questo, sono stato preso dal panico… ho visto 10 corpi tutti uno sopra l’altro”, ha detto, aggiungendo che i soccorritori sono arrivati velocemente sulla scena della tragedia. Tra le vittime, il pensiero di Luciano va a a un ragazzino che aveva cercato di salvare la prima mattina. “Aveva 2 o 3 anni. L’ho tirato fuori con gli occhi ancora aperti e ho detto: ‘forse lo salvo. Poi invece ho visto che aveva schiuma dalla bocca e allora non ho potuto che chiudere quegli occhi” ha detto Luciano. “Se fossi stato lì un minuto, o 20 secondi prima, forse avrei potuto salvarlo. Ora mi sento in colpa”

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie