16 de Aprile de 2024 00:44

La mancanza di specialisti causa ritardi nei lavori nel sud di Tenerife

TENERIFE : Fepeco mette in guardia dagli effetti della carenza di giovani formati e chiede l’inserimento nelle aziende di personale qualificato che adesso spesso lavora in nero.
Il presidente della Federazione degli Enti di Costruzione di Santa Cruz de Tenerife, Óscar Izquierdo, avverte che la mancanza di specialisti nel settore sta causando ritardi nei lavori nel sud dell’isola.
“Le nostre imprese ci chiedono costantemente e con ansia funzionari di prima e seconda classe e personale qualificato in tutti i settori e noi non abbiamo la capacità di offrire loro i lavoratori che richiedono”.
La responsabilità di questa situazione va attribuita alla mancanza di ricambio generazionale nei cantieri, poiché l’incorporazione di giovani formati per sostituire gli specialisti che si avvicinano all’età della pensione sta rallentando, e al fatto che molti lavoratori qualificati hanno scelto di lavorare nell’economia sommersa per non perdere i benefici statali che ricevono.
I posti di lavoro che devono essere occupati in via prioritaria vanno da muratori di primo e secondo livello, a stuccatori, piastrellisti, montatori di cartongesso, pittori di facciate con qualifiche per lavori verticali, montatori di ponteggi, gruisti, capisquadra, elettricisti, idraulici e installatori di pannelli solari.
C’è anche bisogno di manovali per assistere gli operai.
Dopo la pandemia e in seguito alla ripresa del turismo, il Sud sta vivendo un’intensa attività nel settore delle costruzioni, poiché oltre al rilancio delle opere pubbliche, aumentano anche i lavori di ristrutturazione di alberghi, appartamenti e case vacanze, dove si moltiplicano i lavori di ristrutturazione, conservazione e manutenzione.

“La richiesta di lavoratori nella regione è molto alta perché l’attività di ammodernamento e adattamento dell’impianto ricettivo, soprattutto sotto forma di affitti per vacanze, è enorme perché comporta continue riforme”.
Altri due fattori che ritardano il lavoro di operai e macchinari sono amministrazioni comunali che impiegano fino a quattro anni per concedere una licenza edilizia, a cui si aggiunge l’aumento del costo delle materie prime, che rende difficile anche l’avvio o il proseguimento dei lavori, perché è difficile reperire materiali come l’acciaio sul mercato extraeuropeo”.
La stragrande maggioranza delle persone iscritte agli uffici di collocamento disposte a lavorare nel settore non hanno una formazione o la tessera professionale per l’edilizia, indispensabile per lavorare.
“Abbiamo già avvertito il governo delle Canarie che i dati sulla disoccupazione non sono reali, abbiamo le cifre migliori degli ultimi anni”, ha osservato Izquierdo.
Il numero di persone affiliate alla Sicurezza Sociale in questo segmento del mercato del lavoro nelle Isole è aumentato di 2.400 unità nell’ultimo anno, con 56.864 iscritti il mese scorso.
Per migliorare la qualità della forza lavoro, la Fondazione per il Lavoro Edile ha firmato un accordo con il governo regionale per formare 715 professionisti in 19 specialità, con 36 corsi sull’innovazione e la sostenibilità rivolti a disoccupati (70%) e occupati (30%).
“Grazie a questo accordo con il governo, la Fondazione sta facendo un lavoro impressionante per formare il maggior numero di lavoratori possibile.
Quando i corsi finiscono, l’inserimento nelle aziende è immediato”, ha detto il presidente dei costruttori di Tenerife, che ha auspicato un aumento della forza lavoro femminile.
“Le donne che lavorano in cantiere sono solo il 6%, anche se siamo molto fiduciosi perché nei corsi di formazione della Fondazione vediamo che sempre più donne entrano a far parte della forza lavoro.
Accogliamo loro e i giovani in generale a braccia aperte.
Questo settore ha un enorme potenziale e un grande futuro”, ha dichiarato.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie