13 de Aprile de 2024 08:49

Il Panforte.

Siamo in toscana

Il Panforte toscano è un dolce molto speziato e ricco tipico del Natale. Da anni realizzo la versione che trovate qui, in assoluto la migliore che abbia mai preparato ma, quest’anno, ho voluto provare la ricetta di Damiano Carrara presentata a Bake Off.

La sua versione è diversa dalla ricetta tradizionale senese che preparo ogni anno, è più ricca di canditi e farina, contiene meno frutta secca e prevede anche l’utilizzo del pepe, pochissimo ma è presente.

Una ricetta ottima con cui fare un bel regalo a Natale. A questo punto non vi resta che provarle tutte e due e farmi sapere quale preferite…. la sfida è aperta.

Ingredienti:

300 g Mandorle
150 g Nocciole
150 g Miele (ho usato il miele di arancio)
150 g Zucchero
110 g Farina
1 g Sale
1/2 bacca Vaniglia
280 g Arancia candita
280 Cedro candito
12 g Cannella in polvere
5 g Chiodi di garofano macinati
7 g Coriandolo in polvere
1 g Noce moscata
1 g Pepe nero macinato
1 foglio Ostia
q.b. Zucchero a velo

Preparazione:

Con queste dosi si realizzano due dolci da 20 cm.

Scaldate il forno a 170° e tostate le mandorle e le nocciole per 10 minuti. Estraetele dal forno e tenetele da parte

Tagliate i canditi a cubetti.

In un tegame a fondo alto mettete lo zucchero, il miele e portateli a 120°.

In una ciotola mescolate insieme la farina, la vaniglia, le spezie, il sale, l’arancia candita, il cedro candito, le mandorle e le nocciole poi versatevi a filo il miele e lo zucchero caldi. Impastate bene con un cucchiaio di legno (o in planetaria).

Foderate uno stampo da 20 cm con un foglio di carta da forno e adagiate sul fondo l’ostia. Versate l’impasto all’interno dello stampo, schiacciate per bene con le mani bagnate, pareggiate la superficie e spolverizzate abbondantemente con lo zucchero a velo. Cuocete il panforte toscano per 30 minuti a 170°.

Togliete la teglia dal forno, fate intiepidire ed eliminate la carta da forno. Spolverizzate nuovamente il panforte toscano con lo zucchero a velo, fate raffreddare completamente e servite.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie