21 de Maggio de 2024 02:22

Il ciclista Raúl García Álvarez muore dopo 24 anni di coma

Il ciclista Raúl García Álvarez muore dopo 24 anni di coma
È rimasto in stato vegetativo dopo essere caduto da un terrapieno durante una gara a Madrid nel 1998.

Negli anni ’80 e ’90 la provincia di Segovia viveva di ciclismo. Le epopee di Pedro “Perico” Delgado hanno entusiasmato un intero Paese e, naturalmente, la sua patria. Ecco perché molti bambini appassionati di ciclismo volevano essere come lui. Tra loro c’era Raúl García Álvarez, che ha iniziato a distinguersi in gioventù sulle strade della Comunità. Tuttavia, il 20 agosto 1998 tutto è andato storto. Il ciclista di Villacastín, una cittadina di appena 1.400 abitanti, ha subito un grave incidente durante una gara a Madrid che lo ha lasciato in coma per 24 anni, in stato vegetativo.

Stava partecipando alla Vuelta Ciclista a la Sierra Norte de Madrid, gara in cui ha preso parte alle prime due tappe. Nel secondo, scendendo dal passo della Morcuera, il ciclista è uscito da una curva ed è caduto in una scarpata. Il risultato fu un grave trauma cranico e un trauma toracico che lo lasciarono costretto a letto per più di due decenni.

È stato soccorso in elicottero, trasferito all’ospedale 12 de Octubre e poi all’ospedale di Burgos. Infine, ha trascorso gli ultimi 23 anni nella sua casa nella città di Segovia, dove ha avuto il sostegno di tutta la sua famiglia, in particolare della madre. Questa settimana ha detto addio alla vita dopo aver trascorso gli ultimi 24 anni di vita in coma. “È stato un momento molto difficile, soprattutto per i miei genitori. Sono sicura che se fossi stata in ospedale non avrei resistito così a lungo. Mio padre e mia madre erano con lui 24 ore su 24 e gli davano tutto il loro amore”, ricorda Antonio, suo fratello maggiore, che lo ha accompagnato in molte gare.

Il cliplismo era “la sua passione”, ricorda emozionato, “ci pensava tutto il giorno, dopo gli studi non aveva altro a cui pensare”. A quei tempi non mancava il sostegno di “Chava” Jimenez, Carlos Sastre, Carlos Melero e José Luis de Santos.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie