15 de Aprile de 2024 23:22

Enna, donna uccide la suocera con un fendente alla gola. I familiari: “Era depressa ma non si curava”

E’ accaduto a Pietraperzia. Nel 2018 l’omicida era stata vittima di aggressione da parte del marito

Una donna di 32 anni, Laura Di Dio, ha ucciso con un’arma da taglio la suocera Margherita Margani, di 62 anni. Il delitto è avvenuto a Pietraperzia, un paese dell’ennese, nell’abitazione della vittima. L’omicida è già stata fermata dai carabinieri che stanno conducendo le indagini.

Secondo una prima ricostruzione la suocera avrebbe aperto la porta di casa alla nuora, con la quale vi sarebbero stati frequenti litigi, che l’avrebbe aggredito in cucina con un’arma da taglio, un coltello o un paio di forbici; un fendente ha raggiunto la vittima alla gola. Sul luogo dell’omicidio si sta recando il Pm della Procura di Enna Michele Benintende.

La 32enne arrestata per l’omicidio della suocera, il 12 luglio 2018 era stata vittima di aggressione, mentre era incinta, da parte del marito. Suo cognato, ventenne, sparò per difenderla contro il proprio fratello – il marito della donna – che la stava malmenando. L’uomo non venne ferito ma il fratello fu arrestato per tentativo di omicidio. In quell’occasione la donna fu colta da malore e trasportata al pronto soccorso.
La donna, assistita dall’avvocato Salvatore Timpanaro, madre di due figli, sposata con Francesco, figlio della vittima, che lavora in un’agenzia di pompe funebri, secondo i familiari “soffriva di depressione”. “Non voleva curarsi, ma da un anno e mezzo vivevamo nell’inferno”, dicono. Suocera e nuora abitavano in due case limitrofe.

Laura sarebbe andata a trovare la suocera stamani per prendere un caffè insieme, ma durante l’incontro si sarebbe avventata sulla 62enne colpendola con un coltello, una forchetta e una forbice. Dopo, secondo una prima ricostruzione, si sarebbe messa a cavalcioni sul cadavere della suocera fumando una sigaretta.

“Io e tutta la comunità di Pietraperzia – ha detto il sindaco di Pietraperzia, Salvuccio Messina – siamo scossi da quanto accaduto alla signora Margherita Margani, che conoscevo personalmente come persona tranquilla e socievole e non comprendiamo come sia potuto succedere. Tutti ci stringiamo profondamente addolorati per l’accaduto alla famiglia travolta da questa tragedia”.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie