21 de Maggio de 2024 03:47

Appello dei medici a eliminare dalla dieta la maggior parte dei tipi di pane consumati in Spagna.

La stragrande maggioranza dei pani offerti nei negozi e nei supermercati spagnoli è prodotta con farina di grano raffinato.

Per far scoppiare il tuorlo di un uovo e inzupparlo bene, per accompagnare ogni fetta di fuet o per spingere ciò che resta di uno stufato, la pagnotta è un elemento insostituibile su qualsiasi tavola in Spagna dove si serve cibo.

Purtroppo, i medici avvertono che i pani che ci piacciono di più sono spesso anche i meno raccomandabili per la nostra salute: gli spagnoli tendono a scegliere quelli più bianchi.

Beh, se il pane è bianco, significa che è stato prodotto con farina raffinata; in altre parole, proviene da chicchi di grano a cui è stato tolto lo strato di crusca prima di essere macinato.

Questo strato contiene alcuni nutrienti importanti per la nostra salute che vengono persi: in particolare, questa parte del chicco è ricca di fibre, una sostanza che abbassa l’indice glicemico degli alimenti in cui è presente, e di alcuni minerali.

Il profilo nutrizionale del pane cambia notevolmente quando questa parte non è presente.

Purtroppo il pane bianco è presente ovunque: la maggior parte delle pagnotte, del pane a fette, dei picos, dei biscotti o di qualsiasi altro formato di pane che vi venga in mente è fatto con farina bianca.

Tuttavia, questi prodotti non sono uguali tra loro, poiché il processo di produzione di alcuni di essi richiede una maggiore manipolazione da parte dell’industria e un maggior numero di ingredienti.

In altre parole, alcuni di essi sono anche ultra-lavorati e possono contenere zuccheri aggiunti in eccesso o grassi raffinati.

Senza dubbio, il pane a fette è uno dei pani raffinati che richiede la maggiore lavorazione per essere prodotto.

Mentre le pagnotte di solito hanno come ingredienti solo farina, acqua, sale e lievito, il pane a fette ha una miriade di altri ingredienti: oli di colza, zucchero, conservanti, emulsionanti, altre farine come quella di fagioli, glutine di frumento, correttori di acidità, fibre, agenti di trattamento delle farine…

In altre parole, si tratta di un alimento ultra-lavorato e, pertanto, il suo consumo regolare è correlato a un maggior rischio di malattie.

Le fette di pane sono un ingrediente indispensabile per gli appassionati di panini e toast, ma questi alimenti dovrebbero essere considerati un consumo occasionale -e non solo perché contengono questo tipo di pane.

Queste fette sono uno degli alimenti in cui si nasconde lo zucchero raffinato senza che ce ne rendiamo conto, così come i grassi di scarsa qualità.

Forse penserete che il pane bianco sia migliore di quello a fette e, sebbene sia vero che è meno lavorato, il suo consumo regolare e abbondante – come tendiamo a fare – può anche essere dannoso.

Perché? Proprio per la mancanza di quello strato chiamato crusca, che contiene fibre.

La fibra non solo è utile per migliorare la nostra salute intestinale, ma è anche in grado di rallentare la semplificazione dei carboidrati, il che significa che hanno un indice glicemico più basso.

Quando mangiamo pane bianco, gli amidi che compongono i carboidrati vengono scomposti molto rapidamente in zuccheri semplici.

L’epidemiologo Miguel Ángel Martínez-González spiega nel suo libro Salud a ciencia cierta che “mangiare pane bianco è come mangiare zucchero.
Infatti, se lo si tiene in bocca per un po’, inizia ad avere un sapore dolce”.

Ebbene, quando mangiamo questo pane, i suoi zuccheri passano rapidamente nel sangue e il corpo deve rilasciare insulina per compensare.

Questi picchi di zucchero nel sangue provocano una sensazione di fame più precoce, a breve termine, e a lungo termine possono portare alla resistenza all’insulina o al diabete di tipo 2.

Per questo motivo è meglio mangiare pane integrale, che conserva lo strato di crusca e quindi gli zuccheri del pane entrano nel sangue in modo sostenuto.

Allo stesso modo, la produzione di insulina da parte del pancreas è lenta e sostenuta e ciò riduce il rischio di malattia.

Infine, è importante notare che il pane bianco – sia a fette che a pagnotta – può causare acrilammidi quando viene tostato eccessivamente.
Questa sostanza, che può essere evitata se si smette di tostare il pane quando è semplicemente rosolato, è stata collegata in alcuni studi sugli animali a un effetto cancerogeno.
Le autorità sanitarie temono che questo effetto possa essere lo stesso per gli esseri umani e quindi ci chiedono di non esagerare con l’intensità del tostapane quando prepariamo la nostra colazione.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie