19 de Aprile de 2024 17:42

Arsenio Iglesias, carismatico allenatore del Deportivo, muore a 92 anni

L’allenatore galiziano, un personaggio impareggiabile che veniva chiamato stregone, saggio e volpe, è stato l’artefice del Superdépor con cui ha vinto una Copa del Rey e ha sfiorato il titolo di campione.

Arsenio Iglesias Pardo, santo e patrono del Deportivo de La Coruña, è morto questo venerdì a A Coruña all’età di 92 anni. È l’addio di un personaggio, giocatore e allenatore incomparabile, che è stato definito stregone, saggio e volpe. Lui diceva di non essere nessuno dei tre. “Semmai era una volpe, perché a volte non capisco le ragioni per cui faccio le cose”, ha confessato.

Sette anni fa, il 14 maggio, la stessa data in cui Djukic sbagliò un rigore senza tempo, Arsenio scese in campo al Riazor nell’intervallo di una partita contro il Real Madrid e i tabelloni video iniziarono a trasmettere i saluti degli ex giocatori che raccontavano gli aspetti della vita in cui erano stati istruiti da lui. Quando è apparso Bebeto, la volpe veterana è avanzata verso uno degli schermi giganti con il gesto di andare ad abbracciare l’attaccante brasiliano. A quel punto, più di metà dello stadio era in lacrime. Migliaia di deportivisti avevano visto passare la sua vita davanti a loro. La gente si considerava legata a quell’uomo che incarnava tutte le virtù del fetén galiziano: era un lavoratore, onesto e pieno di ironia, un miscredente che smantellava la pamplina basata sul buon senso e riassumeva il suo copione calcistico in tre parole: “Ordine e talento”. Quando nel periodo di massimo splendore, a metà degli anni Novanta, un gruppo di giornalisti stranieri si recò al Riazor per chiedergli il suo metodo di lavoro, lui rispose: “Prudenza. Non ne ho trovato uno migliore”.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie