26 de Maggio de 2024 23:04

Allarme sanitario in Spagna: il Ministero della Salute ritira dalle farmacie il farmaco per il cervello.

L’AEMPS segnala il rilevamento di un’impurità superiore al limite stabilito, costringendo il farmaco a essere ritirato.

L’Agenzia spagnola per i medicinali (Aemps) ha annunciato il ritiro di diversi lotti di un importante farmaco per il trattamento del morbo di Parkinson, la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa tra gli anziani in Spagna dopo il morbo di Alzheimer. Il farmaco in questione è Rasagilina pensa in compresse da 1 mg e EFG.

Come specificato dall’agenzia nella sua nota informativa, l’allerta è stata notificata a causa di un “rilevamento di un’impurezza al di sopra del limite stabilito” del farmaco, prodotto dall’azienda barcellonese “J. Uriach y Compañía S.A.” e distribuito da Towa Pharmaceutical. Come misura precauzionale, tutte le unità dei lotti interessati sono state ritirate. L’Aemps chiede a coloro che sono in possesso di uno dei lotti interessati di restituirlo attraverso i canali abituali ed esorta le Comunità Autonome a monitorare il ritiro. I lotti interessati sono il T002, con data di scadenza 30/11/2024, e il lotto T003, con data di scadenza 30/11/2024.

“Rasagilina Pensa è indicata per il trattamento della malattia di Parkinson”, spiega il foglietto illustrativo dell’AEMPS, che aggiunge che può essere utilizzata anche in associazione con la levodopa, un altro farmaco utilizzato per trattare questa patologia neurodegenerativa. “Nella malattia di Parkinson si verifica una perdita di cellule cerebrali produttrici di dopamina”, spiega l’agenzia, riferendosi al neurotrasmettitore coinvolto nel controllo dei movimenti.

La Rasagilina Pensa contribuisce ad aumentare e mantenere i livelli di dopamina nel cervello, contenendo uno dei sintomi più gravi e marcati della malattia, gli spasmi e la perdita di controllo degli arti di cui soffrono i pazienti. Il principio attivo è la rasagilina stessa. “Gli altri ingredienti sono trealosio diidrato, amido di mais pregelatinizzato, silice colloidale anidra, acido citrico, talco, acido stearico, cellulosa microcristallina e croscarmellosa sodica”, ha dichiarato l’AEMPS.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie