24 de Febbraio de 2024 08:33

Il sud di Tenerife si rafforza di fronte alla valanga della settimana di Pasqua

Arona e Adeje aumentano il numero di agenti per sorvegliare le strade e le spiagge, così come le feste in programma, per aumentare la sicurezza di turisti e visitatori provenienti da tutta l’isola.

Ciao John. Mi hanno minacciato con un coltello, ma stiamo bene. Lividi, ma nessun taglio. Sono stata dal medico e dalla polizia. Hanno preso la borsa di Tina, ma io ho le chiavi dell’appartamento. Peter. Questo è uno dei messaggi che il gestore di un appartamento ha ricevuto la scorsa settimana a Costa Adeje. Un esempio del susseguirsi di furti che Juan ha denunciato nelle ultime due settimane.

Adeje riferisce che non c’è stato un aumento considerevole della criminalità – anche se questo dato corrisponde più alla Polizia Nazionale e alla Guardia Civil che alla polizia locale – ma nonostante ciò ha già messo in atto un piano di sicurezza completo per la valanga di visitatori di questa Pasqua, dato che il tasso di occupazione sarà vicino al 100% da Los Cristianos a La Caleta.

Il bel tempo – anche se giovedì è prevista pioggia – e questo breve periodo di vacanza faranno sì che l’afflusso di turisti e visitatori sull’isola sarà simile a quello di una settimana di agosto. Per questo motivo, il Municipio di Adeje ha rafforzato la sicurezza con più di 125 agenti aggiuntivi, tra le varie polizie e i membri della Protezione Civile, non solo per sorvegliare le spiagge e le zone dello shopping e della vita notturna, ma anche per coprire diverse feste a cui solitamente partecipano migliaia di giovani.

Arona farà lo stesso, aumentando di 70 unità il numero di agenti di polizia, Polizia Nazionale, Guardia Civile e Protezione Civile, pur chiarendo che “questo è il piano della settimana di Pasqua, non che abbiamo notato più insicurezza del normale nelle ultime settimane”, come ha chiarito il Concistoro di Arona.

Va ricordato che un anno fa il Comune di Arona ha ottenuto dalla Delegazione del Governo spagnolo l’autorizzazione a installare 20 telecamere di sorveglianza nelle zone di maggior conflitto notturno, a causa della grande presenza di pub e discoteche e del conseguente agglomerato di utenti. Si tratta del centro commerciale Las Verónicas, tra Avenida Rafael Puig Lluvina e Calle Francisco Andrade Fumero a Playa de Las Américas.

Nonostante la presenza di telecamere, nella zona sono continuate a scoppiare risse nelle prime ore del mattino, anche in presenza di agenti di polizia, quasi sempre coinvolgendo turisti britannici, giovani e meno giovani, la maggioranza della zona.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie