21 de Maggio de 2024 03:50

Gli anni di stipendio lordo che un canario deve dedicare al pagamento del mutuo

In tutto il Paese, lo spagnolo medio deve dedicare 6,7 anni di stipendio lordo al pagamento del mutuo della casa che ha acquistato nel 2022, sei mesi in più rispetto all’anno precedente.

Il canario medio deve dedicare 7,2 anni di stipendio lordo per pagare il mutuo della casa acquistata nel 2022, rispetto ai 6,2 anni di lavoro nel 2021 e ai 6 anni di lavoro nel 2012.

Secondo i dati dello studio “Relación de salarios y la compra de vivienda en 2022”, pubblicato questo martedì da Fotocasa, con dati sugli stipendi medi provenienti dalle offerte di lavoro sulla piattaforma InfoJobs, nel 2022 il prezzo delle abitazioni in vendita sulle isole si è chiuso con un aumento annuo del 10,9% e si è collocato a dicembre a 1.977 euro/m2.

Ciò significa che, tenendo conto dello stipendio medio lordo registrato da InfoJobs, che nel 2022 era di 21.897 euro (1.825 euro lordi al mese se lo dividiamo in 12 rate), i canari devono dedicare 7,2 anni del loro intero stipendio (87 mesi) al pagamento del mutuo di una casa di 80 metri quadrati.

Nel frattempo, in tutto il Paese, lo spagnolo medio deve dedicare 6,7 anni di stipendio lordo per pagare il mutuo di una casa acquistata nel 2022, sei mesi in più rispetto all’anno precedente.

Il prezzo medio delle abitazioni in vendita in Spagna ha chiuso il 2022 a 2.051 euro al metro quadro, mentre lo stipendio medio lordo per quell’anno è stato di 24.395 euro, 2.033 euro lordi al mese in 12 rate. Pertanto, un appartamento medio di 80 metri quadrati ammonterebbe a 164.080 euro, che divisi per quei 24.395 euro darebbero 6,7 anni di stipendio lordo pieno.

La direttrice degli studi e portavoce di Fotocasa, María Matos, sottolinea che questo è “il più grande sforzo salariale che i cittadini abbiano fatto”, dato che nel 2012 era di 6,4 anni e nel 2017 di 5,9 anni.

“Il prezzo di acquisto ha raggiunto l’aumento più alto non solo nell’ultimo anno, ma nell’intera serie storica, da quando l’Indice Immobiliare Fotocasa registra. Ciò significa che il costo delle abitazioni non è mai aumentato così tanto in un periodo di tempo così breve”, afferma Matos.

Per il direttore della ricerca, questa ripresa è dovuta al cambiamento della politica monetaria, con l’aumento dei tassi di interesse, e allo squilibrio tra domanda e offerta.

Da parte loro, i salari sono diminuiti dello 0,7% nel 2022 rispetto all’anno precedente, secondo i dati di InfoJobs citati da Fotocasa. “Ciò rappresenta una perdita del 6,4% del potere d’acquisto, se si considera che l’inflazione ha chiuso al 5,7%”, spiega il direttore della comunicazione e della ricerca di InfoJobs, Mónica Pérez.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie