21 de Maggio de 2024 03:21

Autovetture che la DGT può cancellare senza preavviso.

Secondo il Regio Decreto 265/2021, che modifica l’articolo 35 del Regolamento generale sui veicoli, qualsiasi auto considerata fuori circolazione può essere cancellata d’ufficio. Questa procedura verrà eseguita automaticamente dalle Jefaturas Provinciales de Tráfico e le motivazioni saranno: non aver registrato una polizza assicurativa negli ultimi 10 anni o non aver frequentato e/o superato un ITV negli ultimi 10 anni. In pratica, ciò significa che la DGT potrà cancellare i veicoli che rispettano queste particolarità nel 2023, senza doverne informare i proprietari. Questa misura è stata adottata un anno fa e riguarda i veicoli che non mostrano segni di vita da un decennio.

In questo modo, il Dipartimento del Traffico inizierà il processo di cancellazione d’ufficio, una procedura che cancella automaticamente le auto che sono rimaste senza revisione e assicurazione per più di dieci anni. Questa modifica renderà necessaria la stipula di un’assicurazione per le auto danneggiate o inutilizzabili in un garage.

L’obiettivo principale della Direzione Generale del Traffico è quello di porre fine alle auto zombie – una pratica che sta già cercando di ridurre stabilendo una durata massima di un anno per le cancellazioni temporanee – dato l’elevato numero di veicoli in questa situazione e le ripercussioni in termini di sicurezza stradale del fatto che alcuni di questi veicoli possono continuare a circolare sulla strada, indipendentemente dal loro status amministrativo.

Secondo Ro-Des, “il pericolo delle cosiddette auto zombie ha a che fare con quelle che sono state temporaneamente ritirate, ma che sono ancora in circolazione ogni giorno. Non hanno assicurazione, MOT o tassa di circolazione in vigore. Questa misura consente alla DGT di cancellare in modo permanente i veicoli che, secondo il database, non hanno superato la revisione o sono rimasti senza assicurazione per più di 10 anni.

Come previsto dall’articolo 35 del nuovo Regolamento generale, i veicoli saranno ritirati definitivamente dal Registro, senza preavviso ai conducenti, quando i proprietari dichiareranno espressamente la loro volontà di ritirarli definitivamente dalla circolazione. La domanda di cancellazione deve essere presentata presso un qualsiasi Comando Provinciale dei Vigili Urbani.

Anche quando il Comando del traffico ritiene che il veicolo rappresenti un evidente pericolo per gli occupanti o per il traffico in generale. Prima di ciò, deve essere presente una relazione dell’organismo di settore competente che certifichi che il veicolo presenta usura meccanica o deterioramento.

Una terza possibilità è che i veicoli siano stati abbandonati dai proprietari dopo la verifica da parte del Comando dei vigili urbani. I veicoli saranno rimossi dalle strade pubbliche dagli agenti incaricati della sorveglianza e della regolamentazione del traffico.

Infine, secondo il regolamento, il veicolo può essere ritirato dalla circolazione se è stato trasferito in un altro Paese dove deve essere immatricolato. Una volta elaborata, la cancellazione del trasferimento deve essere effettuata entro tre mesi. Se dopo tre mesi si dimostra che il veicolo è ancora in circolazione in Spagna, il veicolo verrà automaticamente reintegrato.

Secondo Ro-Des, la cancellazione permanente d’ufficio è reversibile, cioè può essere cambiata in qualsiasi momento e il veicolo può essere ripristinato in modo da poter essere nuovamente guidato. A tal fine, il proprietario deve dimostrare la proprietà del veicolo e la sua idoneità alla circolazione. A tal fine, è necessario pagare la tassa stabilita per legge e presentare una domanda sul modello ufficiale fornito presso la sede stradale o presso la sede elettronica della DGT.

Devono essere forniti anche i documenti d’identità del proprietario e del rappresentante del veicolo, come il libretto di famiglia, la carta d’identità del proprietario. Una volta presentata questa documentazione, il Comando Provinciale dei Vigili Urbani richiederà l’ispezione del veicolo da parte dell’ente di settore corrispondente, che consentirà il rilascio di una nuova scheda di controllo tecnico e la prosecuzione del ripristino. Per completare la procedura di riabilitazione di un veicolo cancellato d’ufficio, è necessario presentare la scheda di controllo tecnico e l’autocertificazione della tassa sui veicoli a trazione meccanica (Impuesto sobre Vehículos de Tracción Mecánica).

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie