21 de Maggio de 2024 03:46

Ondata di furti di benzina da veicoli nel nord di Tenerife.

In due mesi sono state presentate 50 denunce da Tacoronte a Santa Úrsula e un gruppo di cittadini sta già raccogliendo firme per chiedere telecamere di sorveglianza e maggiore sicurezza nella zona.

Ma questa volta le persone colpite hanno detto basta e, per questo motivo, si stanno organizzando per chiedere maggiore sicurezza alle autorità e l’attuazione di misure preventive, come l’installazione di telecamere di sorveglianza. Questo è stato spiegato da un portavoce delle persone colpite, la cui identità preferisce rimanere anonima, cosa d’altra parte comprensibile data la natura dei fatti in questione.”È chiaro che cercano soprattutto la benzina”, ha dichiarato ieri il portavoce, descrivendo come i ladri facciano scoppiare i tappi dei serbatoi di carburante di ogni veicolo o forino i serbatoi da sotto per raggiungere il loro obiettivo. (fatto ben più grave!)
“Come se non bastasse, tutto questo lascia una scia sul terreno, che potrebbe provocare una scintilla e causare un disastro.
Ma ci hanno anche rotto i vetri per prendere oggetti dall’interno e poi c’è la batteria, che, come ci è stato detto, prendono sempre per sostituire quella dell’auto rubata che usano, perché a quanto pare si scarica per l’effetto del ponte di cavi per metterla in moto”.
Un’altra possibilità è quella di utilizzare la batteria per alimentare una piccola pompa di aspirazione per svuotare i serbatoi in modo più efficiente e rapido.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie