19 de Aprile de 2024 17:12

La baraccopoli Di Adeje.

Il governo delle Canarie afferma di non poter agire d’ufficio contro le baraccopoli di Adeje.


José Antonio Valbuena incoraggia le persone a denunciare i presunti affitti turistici nell’area naturale.Il Ministro della Transizione Ecologica del Governo delle Canarie, José Antonio Valbuena, ha assicurato che le baracche di Puertito de Adeje non potranno essere smantellate se non verranno segnalate all’Agenzia Canaria per la Protezione dell’Ambiente Naturale (ACPMN), che fa capo al Ministero.

Interrogato dalla COPE Canarias sul motivo per cui il governo regionale non si preoccupa dell’ambiente naturale di quell’area e sanziona il promotore del progetto Cuna del Alma, i cui lavori sono iniziati accanto a quell’area, Valbuena ha spiegato che la ACPMN non può agire d’ufficio. “Spero che qualcuno lo denunci, perché mi sembra che debba sparire, e se è oggi, meglio di domani”, ha detto in relazione agli insediamenti che sarebbero utilizzati anche come case vacanza.

In questo senso, ha voluto sottolineare questo aspetto: “Se ha un chiaro e noto uso lucrativo, ovviamente deve essere denunciato per sradicare questo tipo di uso in questo e in ogni spazio naturale”. Altra cosa, dice, sono “le prime case e anche dove vivono i minori”, perché questo è “un problema sociale, e non agiamo mai finché non è risolto”.

Valbuena si è detto disponibile a modificare la legge per poter denunciare questo tipo di utilizzo da parte dell’amministrazione regionale, ma ha insistito sul fatto che, finché la legge attuale rimane in vigore, non può prendere l’iniziativa.
L’assessore ha riconosciuto che il Municipio di Adeje è responsabile di agire nell’area se si tratta di uno spazio di proprietà pubblica o il cui proprietario non è chiaro.
Se si tratta di terreni privati, “la responsabilità, in primo luogo, è del proprietario”.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie