13 de Aprile de 2024 09:04

INTERCETTATA UNA IMBARCAZIONE CON 4,5 TONNELLATE DI COCAINA NELLE ISOLE CANARIE.

Agenti della Polizia Nazionale, in un’operazione congiunta con la Guardia Civil e il Dipartimento di Sorveglianza Doganale dell’Agenzia delle Entrate Canaria, hanno intercettato un mercantile chiamato ‘Blume’, a 80 miglia a est delle Isole Canarie, con più di 4.500 chili di cocaina a bordo per un valore di 180 milioni di euro, arrestando 15 membri dell’equipaggio della nave durante l’operazione.

L’abbordaggio della nave, effettuato dal Nucleo Operativo Speciale ‘Fulmar’, è stato molto complesso date le condizioni del mare e le grandi dimensioni del mercantile.

L’operazione è nata da una collaborazione internazionale, in cui lo scambio di informazioni tra il Centro Atlantico di Analisi e Operazioni (MAOC-N) e il Centro di Intelligence contro il Terrorismo e il Crimine Organizzato (CITCO), ha determinato il possibile coinvolgimento della nave nel traffico illecito di droga dal Sud America.

Sulla base di queste informazioni, l’Agenzia Ta ha inviato la squadra “Fulmar” per intercettare e abbordare la nave all’alba di mercoledì 18 gennaio.

Dopo essere saliti a bordo, gli agenti hanno confermato che il cargo trasportava 200 tonnellate di caffè come dichiarato sui documenti, ma si trattava di un quantitativo ben inferiore alla reale capacità di carico della nave, il che ha insospettito i funzionari incaricati dell’operazione.

Successivamente, hanno ispezionato a fondo la nave e hanno trovato un numero imprecisato di balle (solitamente utilizzate per il traffico di cocaina). Pertanto, hanno arrestato i 15 membri dell’equipaggio dell’imbarcazione, composto da due albanesi e 13 di nazionalità pakistana, trasportati insieme al cargo al porto di Santa Cruz de Tenerife.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie