16 de Aprile de 2024 00:14

Iniziano le manovre militari del Marocco nelle acque a sud di Fuerteventura

Tensioni tra Marocco e Spagna. Oggi a circa 150 chilometri dalle Canarie, a Sud di Fuerteventura, dunque non lontano dal territorio spagnolo, inizieranno le esercitazioni della Marine Royale, che vedranno impegnate le navi militari del Paese nordafricano.

Il contesto

Le manovre militari del Marocco nelle acque vicine alle Isole Canarie hanno sollevato preoccupazioni sia a livello regionale che internazionale. Vediamo i dettagli di questa situazione delicata.

Le esercitazioni navali

Le esercitazioni navali, che si protrarranno fino alla fine di giugno, si svolgeranno nell’Oceano Atlantico, di fronte al Sahara Occidentale. Questo territorio, a Sud del Marocco, è oggetto di una disputa internazionale alle Nazioni Unite. Mentre Rabat considera le provincie del Sahara Occidentale come parte del proprio territorio, la comunità internazionale non ha ancora raggiunto un consenso su questa questione.

Le preoccupazioni delle Isole Canarie

Il vice assessore alla presidenza del governo delle Canarie, Alfonso Cabello, ha espresso la sua preoccupazione per l’imminente inizio delle manovre militari da parte del Marocco. Queste manovre sono state avviate unilateralmente, senza consultazione o coordinamento con le autorità spagnole. La scelta della zona per le esercitazioni è particolarmente delicata: si tratta di un’area che il Marocco ha definito come “un santuario della fauna” e che ospita numerose specie uniche.

Il contesto internazionale

La decisione del Marocco di avviare queste esercitazioni militari arriva dopo che la Corte di giustizia Europea ha raccomandato l’annullamento dell’accordo sulla pesca tra Rabat e l’Unione Europea. Questo accordo include le acque del Sahara Occidentale, che, secondo la Corte, non dovrebbero essere considerate parte del territorio marocchino. Con queste manovre, il Marocco ribadisce la sua posizione, sostenendo che il Sahara Occidentale rientra all’interno dei suoi confini.

Il colloquio tra Clavijo e Albares

Un secondo motivo di preoccupazione riguarda un colloquio tra il presidente delle Isole Canarie, Fernando Clavijo, e il ministro degli Affari Esteri, dell’Ue e della Cooperazione, José Manuel Albares. Sebbene il contenuto di questo colloquio non sia stato reso pubblico, Clavijo ha espresso la sua inquietudine riguardo all’inizio delle manovre militari. Questo colloquio ha sollevato ulteriori domande sulla situazione e ha contribuito a intensificare le preoccupazioni delle autorità canarie.

Le manovre militari del Marocco al largo delle Isole Canarie rappresentano un tema delicato e complesso. Mentre il Marocco cerca di far valere la sua sovranità sul Sahara Occidentale, le Isole Canarie si preoccupano per l’impatto ambientale e per la mancanza di comunicazione tra i due Paesi. La comunità internazionale osserva attentamente gli sviluppi, sperando in una risoluzione pacifica e diplomatica di questa controversia territoriali.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie