26 de Maggio de 2024 22:32

Il dilemma delle vacanze, la nuova realtà delle Canarie.

Pur generando reddito per i piccoli (e grandi) proprietari, diventa un terribile freno all’affitto tradizionale degli immobili.
La situazione degli alloggi in affitto per le famiglie di lavoratori a medio reddito sta diventando un’impresa impossibile. La mancanza di offerta nelle zone turistiche e non, sta creando un serio problema di convivenza. Ma d’altra parte, è una realtà economica che sembra essere destinata a rimanere.
Il peso delle case vacanza all’interno del settore turistico continua a crescere nelle Isole Canarie. Tra il 2020 e il 2022 si aggiungeranno 10.000 nuovi posti. In totale, la scorsa estate, l’offerta ha raggiunto 172.000 posti distribuiti su 40.000 case.
L’arcipelago è la seconda comunità con la più alta percentuale di questo tipo di appartamenti sul totale delle proprietà, solo dietro alle Isole Baleari, ma mentre lì è diminuita, qui è il contrario.
Secondo l’Asociación Canaria de Alquiler Vacacional (ASCAV), questo tipo di affitto per vacanze ha un impatto economico che nelle Isole Canarie “supera attualmente i 2 miliardi di euro”.
Un’economia che ricade direttamente nelle tasche delle famiglie canarie e delle innumerevoli aziende che aggiungono valore alle case vacanza, come il settore dell’autonoleggio, del commercio, della ristorazione, del tempo libero, ecc.
Per non parlare della moltitudine di nuove imprese nate per soddisfare le esigenze delle case vacanza, come gestori, intermediari, imprese di pulizia, manutenzione, costruzione e ristrutturazione, ecc.
In questo modo “questo modo di intendere il turismo viene criticato da alcuni e lodato da altri, ma la realtà è che le case vacanza sono diventate una valida opzione turistica e una scelta di molti visitatori che arrivano sulle isole”.
La realtà è che dal 2018, quando la Corte Suprema ha annullato il decreto del governo sugli affitti turistici che cercava di impedire la presenza di case vacanze nelle zone turistiche, il numero di case vacanze ha continuato a crescere.
Questa modalità, che continua a crescere, ha avuto “il miglior mese di febbraio nella storia delle Isole Canarie, con occupazioni vicine all’80%”, secondo ASCAV, “molti dei nostri clienti sono ripetitori.
Infatti, abbiamo già prenotazioni per il prossimo inverno”, afferma.
Per la prossima Pasqua si prevede di ripetere il tutto esaurito del 2022.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie