15 de Aprile de 2024 23:36

Il CC-PNC accusa il PSOE di aver perso 10 milioni di euro paralizzando due parchi eolici ITER.

Il gruppo CC-PNC nel Cabildo di Tenerife accusa il PSOE di aver perso circa 10 milioni di euro a causa del blocco dei parchi eolici di Areté (18,4 MW) e La Roca (16,8 MW), gestiti dall’Instituto de Tecnológico de Energías Renovables (ITER).

Il consigliere nazionalista Antolín Bueno sottolinea che “dall’inizio di agosto sono fuori servizio e il gruppo di governo non ha fatto nulla finché non abbiamo denunciato la situazione.
Hanno perso tra i due e i tre milioni di euro al mese, quindi stimiamo che la perdita totale possa essere di circa 10 milioni di euro”.
Bueno sottolinea che “la responsabilità di farli funzionare è di Pedro Martín, che ora si nasconde dietro il fatto che sta passando il problema a Iberdrola”. Da luglio denunciamo la situazione di chiusura dei parchi eolici e da agosto le turbine eoliche non funzionano. Se non denunciamo questa situazione, i parchi eolici continueranno a non funzionare. Abbiamo chiesto le informazioni per iscritto e non ce le hanno ancora date”.
Il consigliere nazionalista spiega che “alla perdita economica dobbiamo aggiungere l’incapacità di generare energia rinnovabile in questo periodo e il conseguente consumo di combustibili fossili”.

I parchi eolici di Areté generano elettricità per 14.000 abitazioni e riducono l’emissione annuale nell’atmosfera di 144.000 tonnellate di anidride carbonica, 1.000 tonnellate di ossido di zolfo, 380 tonnellate di ossido di azoto e 130 tonnellate di monossido di carbonio. In questo momento sono fermi a causa della mancanza di gestione da parte del PSOE”.Antolín Bueno si rammarica che “Pedro Martín, lungi dal migliorare la gestione ambientale, l’abbia peggiorata”.
Tenerife è agli ultimi posti nella gestione dei rifiuti e nella produzione di energie rinnovabili, e la paralisi dei parchi eolici di Areté e La Roca ne sono due chiari esempi. Ci auguriamo che la smettano di alzare le mani in aria e che li mettano in funzione al più presto”.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie