26 de Maggio de 2024 22:29

Condannato per omicidio.

Un uomo è stato condannato a 25 anni di carcere per aver bruciato vivo e ucciso la sua compagna a La Laguna.

L’accusato ha cosparso la donna di benzina e le ha dato fuoco. È riuscita a uscire e a chiamare i soccorsi, ma è morta otto ore dopo in ospedale.La Procura Provinciale di Santa Cruz de Tenerife chiede una condanna a 25 anni di carcere per un uomo che ha bruciato viva la sua compagna nella casa che condividevano a La Laguna e che è morta per la gravità delle ferite riportate.Nella dichiarazione scritta, riportata da Europa Press, si legge che i fatti sono avvenuti nelle prime ore del mattino e dopo una discussione, quando l’accusato ha messo la donna in una vasca da bagno, l’ha cosparsa di benzina e le ha dato fuoco, causandole ustioni di secondo e terzo grado sull’85% del corpo, oltre a lesioni interne dovute all’inalazione di fumo e al calore, soprattutto alle vie respiratorie.

Nonostante l’opposizione dell’uomo, la donna, madre di due figlie, è riuscita a uscire dalla casa e a chiamare i soccorsi; nonostante sia stata sottoposta a cure mediche d’emergenza, è morta otto ore dopo in ospedale.L’accusa ritiene che i fatti costituiscano il reato di omicidio e chiede inoltre che l’imputato non possa avvicinarsi alle figlie della vittima per dieci anni e un risarcimento di 150.000 euro per ciascuna di esse.L’uomo è stato anche ferito con ustioni ed è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale di Siviglia, e infine arrestato al suo ritorno sull’isola.Il processo, con giuria, inizia lunedì prossimo presso la quinta sezione del Tribunale Provinciale.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie