21 de Maggio de 2024 02:15

Acquisto da 40 milioni di euro di un hotel a Tenerife.

Si tratta di un hotel a quattro stelle con 226 camere situato a Costa Adeje.

Il fondo svizzero Stoneweg ha ufficialmente concluso l’acquisto di un hotel a Tenerife e di un altro a Maiorca dal gruppo turistico Globalia per un totale di 83 milioni di euro, secondo un comunicato inviato dalla società.

Il fondo acquisirà il Be Live Collection Palace de Muro, situato a Maiorca, e il Be Live Experience La Niña, situato a Tenerife e di categoria quattro stelle.

Il gruppo turistico presieduto da Juan José Hidalgo continua a cedere asset.

Ora è stata la volta di altri due hotel della sua divisione Be Live Hotels, che sono stati venduti al fondo svizzero Stoneweg per oltre 80 milioni di euro.

Stoneweg Hospitality, il ramo di investimento alberghiero della società immobiliare globale Stoneweg, ha acquisito questi due hotel dal gruppo turistico presieduto da Juan José Hidalgo e dopo la prossima stagione estiva il fondo inizierà un piano di ristrutturazione e riposizionamento per entrambe le strutture.

L’investimento è stato effettuato attraverso i vari fondi discrezionali di Stoneweg, aumentando così l’esposizione alberghiera della società del 25%, da 1.281 camere a 1.691 camere, e aumentando il peso degli asset delle Baleari e delle Canarie nel portafoglio al 62%.

La Niña è un hotel a quattro stelle con 226 camere situato a Costa Adeje (Tenerife), a 200 metri da Playa Fañabé e Playa de la Pinta.

Il Palace de Muro è un hotel a cinque stelle di 184 camere a Muro, Maiorca, e si trova direttamente sulla Playa de Muro, considerata una delle migliori spiagge del mondo.

Entrambi gli hotel dispongono di diversi ristoranti, bar e piscine, oltre che di una spa e di una palestra e di strutture per riunioni, conferenze ed eventi.

Saranno gestiti da Hyatt Hotel Management dopo un investimento per il loro riposizionamento.

Stoneweg Hospitality, fondata nel 2021, possiede attualmente un portafoglio di sette hotel in Spagna, che sono stati o stanno per essere riposizionati attraverso significativi cambiamenti di gestione, programmi di ristrutturazione e strategie di re-flagging.

Tra questi, l’Alua Menorca, la Casa Lit Barcelona o l’Hard Rock Hotel Marbella, che ha riaperto le sue porte nel marzo di quest’anno dopo una completa ristrutturazione delle camere e delle suite, e nuovi spazi comuni come la piscina sul tetto e il ristorante Sun Society e il ristorante Nu Centro per la cena.

Il CEO di Stoneweg Hospitality, Miguel Casasha, ha dichiarato che l’acquisto dei due hotel da Globalia “rappresenta un’opportunità unica per stabilire una presenza in due delle destinazioni alberghiere più performanti della Spagna e per aggiungere due asset che completano il nostro portafoglio esistente”.

“Il nostro team si occuperà di riqualificare e riposizionare le proprietà per generare ulteriori ritorni attraverso la creazione di prodotti differenziati dal punto di vista del concept e del branding”, ha aggiunto Casas.

Be Live Hotels possiede attualmente quasi venti hotel in tutto il mondo: dieci in Spagna (Maiorca, Lanzarote, Tenerife e Talavera de la Reina), tre in Marocco e quattro nella Repubblica Dominicana (Puerto Plata, Punta Cana e Santo Domingo).

La proprietà rimarrà nelle mani della famiglia Hidalgo.

Globalia aveva tentato qualche mese fa di vendere l’intero portafoglio alberghiero per circa 500 milioni, ma alla fine ha rinunciato quando non ha ricevuto alcuna offerta che si avvicinasse alla cifra richiesta.

Nel 2022, in Spagna sono stati transati 133 hotel e 17.754 camere, per un totale di 3.279 milioni di euro di investimenti, il che rappresenta il terzo miglior record della serie storica, secondo l’ultimo Hotel Investment Report redatto da Colliers.

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Le ultime notizie